Concausa


Parole, opere ed omissioni
8 aprile 2009, 13:54
Filed under: Cose italiane | Tag: , , ,

528647

Segnaliamo L’Aquila pre-terremoto su Google Earth nelle tante foto del centro storico fatte da Paolo Croce. Chissà come sta…

Oggi hanno un po’ il sapore di una beffa le parole che, sul sito della protezione civile, accompagnano la presentazione della mostra itinerante “Terremoti d’Italia” che dal 18 aprile sarà in Friuli:

“100 anni di terremoti in Italia ci hanno insegnato che gli effetti catastrofici del terremoto dipendono principalmente dall’uomo. 100 anni di crescita scientifica e tecnologica ci hanno insegnato che ci si può difendere dal terremoto. 100 anni di catastrofi sismiche ci hanno insegnato che la difesa più importante è costruire opere resistenti al sisma e, soprattutto, rafforzare quelle esistenti. In 100 anni, purtroppo, ben poco si è fatto per ridurre il rischio sismico del patrimonio edilizio esistente.
Un nuovo e sostanziale impegno politico ed economico, con la partecipazione decisa e consapevole di tutti i cittadini, è fondamentale per abbattere il rischio sismico di scuole, ospedali, case, ponti, impianti industriali, per non parlare mai più di catastrofi, tragedie annunciate, disgrazie per il nostro amato Paese.
Gli italiani meritano una grande opera, la più importante: la protezione e la tutela dal rischio più grave e serio per la vita di tutti.”
Appunto…

Annunci

Lascia un commento so far
Lascia un commento



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: