Concausa


L’essere straniera non è un difetto
20 luglio 2009, 01:16
Filed under: Letteratura | Tag: ,

straniera4

“1955. Arrivo a Milano. Ho un’idea molto vaga dell’Italia, ammetto di non conoscerla ma tutto mi piace qui. Anzitutto la gentilezza degli italiani. Il loro modo di accoglierti subito, di aiutarti. Il solo fatto di essere una straniera è una qualità in più. Se chiedi dove si trova una strada la risposta è “Venga con me! L’accompagno”. La loro disponibilità mi meraviglia, non ci sono abituata, nella Francia che ho lasciato i rapporti umani sono più freddi e chiedere un’informazione al giornalaio vuol dire disturbare qualcuno che non ha tempo per te. Qui la gente dà l’impressione di essere lì ad aspettarti da sempre. Ti senti viva, e hai l’illusione di esistere. L’essere straniera non è un difetto, anzi è una qualità, e mi regala l’illusione di avere trovato la risposta a tutti i miei problemi fuorché al più importante che, come sempre è sopravvivere, trovarsi un lavoro.”

Helene Visconti, un’amica di un’amica.
Anche lei una “straniera” che avrebbe tanto da scrivere…

Helene Visconti, Straniera, Neri Pozza
Il brano citato si trova a pag. 201.

Annunci

1 commento so far
Lascia un commento

più che straniera a me sembra una cittadina del mondo, ed aspetto con ansia il seguito

Commento di angela giordano




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: