Concausa


Gaza-Streifen, la distruzione secondo Stevens
26 gennaio 2009, 20:41
Filed under: Fotografia, Medio Oriente e Nord Africa | Tag: , ,

gaza-stevens

Stern.de, qui, ha pubblicato un reportage che il fotogiornalista belga Bruno Stevens ha realizzato nella striscia di Gaza dopo il cessate il fuoco.

Altri reportage di Stevens qui su pa.photoshelter.com e un’intervista, qui, sul numero 10 di viewmag.be.

Annunci


“Ma sì, fai vedere che abbondiamo, adbondandis adbondandum”
15 gennaio 2009, 23:19
Filed under: Fotografia, Medio Oriente e Nord Africa | Tag: , ,

20090107223755

Arriviamo per ultimi.
Vi riportiamo, dunque, chi ne ha parlato prima e meglio di noi.
Foto contraffatte? Secondo voi? dal sito dei Fotoreporter Professionisti Associati.
Fotomontaggi di cronaca di Matteo Bergamini su fotoinfo.net.
La guerra in fotografia dal sito di socialdezine.
Troppi elicotteri dal blog di Massimo Mantellini.

Nel frattempo oggi “sono stati colpiti anche l’ospedale Al-Quds, un edificio che ospita gli uffici Reuters e altre sedi di servizi di informazione, secondo quanto riportato dai media. Due reporter sono stati feriti ma sembrano non esserci state vittime nell’ospedale, dove i pazienti sono fuggiti verso il piano terra in cerca di riparo.” Da Israele valuta i termini della tregua con Hamas per Gaza dal sito reuters.com.

La casa editrice Electa sta per dare alle stampe, in catalogo qui, L’etica del fotogiornalismo, il nuovo libro Ferdinando Scianna. Qui il famoso fotografo si interroga se esista o meno l’urgenza di affrontare i problemi etici nel fotogiornalismo.
La manipolazione dell’immagine di Ap che ha fatto il Giornale ci dice che, forse, l’attenzione dovrebbe essere trasferita dai fotografi alle redazioni dei quotidiani. In proposito, linkiamo dal già citato sito fotoinfo.net questa interessante riflessione di Fabiano Avancini: Reality: show! E la verità estetica di redazione e Fotogiornalismo e manipolazione digitale di Caterina Falomo che ci ricorda un caso analogo, ma stavolta per sottrazione, nel quale incorse il manifesto nel 2000, sempre a Gaza.