Concausa


Slaughterhouse
24 aprile 2010, 11:45
Filed under: Fotografia | Tag: , , ,

Il mattatoio di Tommaso Ausili. «Nel 2000 lavoravo in uno studio legale…»

Annunci


Gli studi dolorosi di George Rodger
19 settembre 2009, 22:20
Filed under: Fotografia | Tag: , , ,
Campo di concentramento di Bergen-Belsen, 1945

Campo di concentramento di Bergen-Belsen, 1945

“Al pari di tanti fotografi Magnum, tuttavia, Rodger si approssimava ai soggetti mantenendo una rispettosa distanza. (…) si lasciava coinvolgere dalla storia, dalle differenze, e con la fotocamera registrò la complessità implicita di ogni evento, in ogni istante. (…) Come nelle foto dei bombardamenti su Londra e, in maniera ancora più evidente, in quelle del campo di concentramento di Bergen-Belsen, scattate subito dopo la liberazione, Rodger rivela una prospettiva discreta e diffidente. Non sfrutta mai ciò che vede, né lo riduce alla componente sensazionale. Insieme alle foto scattate nei campi di concentramento da Margaret Bourke-White e Lee Miller, le immagini di Rodger sono studi dolorosi e difficili sulla sofferenza e il male su vasta scala, mostrano la foto documentaria ai limiti dei suoi parametri espressivi.”

Il resto qui, nel testo di Clarke.

1058303843_053eaf2be6

Rispolveriamo qualche articolo…

Dentro il mondo della Magnum
, Irene Bignardi su Repubblica; in Morto a 87 anni George Rodger: fondo’ la grande agenzia, pubblicato su La Stampa, Fabio Galvano ricorda che Rodger disse “Quando scoprii che potevo guardare l’orrore dei quattromila cadaveri viventi attorno a me e che l’unica cosa a cui pensavo era una buona inquadratura, capii che mi era successo qualcosa, e che era ora di finirla”.
Nel 1970 scrisse a suo figlio “Ricordalo. Ogni cosa che vedi guardando in basso, sulla lastra di vetro della tua Rolleiflex è la realtà – le cose come sono. La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo.”



Les Adieux
15 settembre 2009, 22:50
Filed under: Fotografia | Tag: , ,

lesadieux_bg

“Le mie sono fotografie che potrebbero fare tutti. Io sono un uomo qualunque che va in giro e fissa il riflesso dello spettacolo della strada”.
Willy Ronis


Ronis, la fotografia come un romanzo
, su LaStampa;
Willy Ronis, photographe, su LeMonde;
«L’émotion de ma vie, c’est la photo de la péniche aux enfants», su Liberation.



Back from Kyrgyzstan
11 settembre 2009, 16:07
Filed under: Fotografia | Tag: , ,
I was last week in Kyrgyzstan for a BBC - Lonely Planet assignment. The country is famous for its mountains and his nomads, but in the towns, life is different. This student on the pic went out of the university in Bishkek and was going to buy some bread. Last but important thing: Kyrgyz people are muslim.  © Eric Lafforgue

I was last week in Kyrgyzstan for a BBC - Lonely Planet assignment. The country is famous for its mountains and his nomads, but in the towns, life is different. This student on the pic went out of the university in Bishkek and was going to buy some bread. Last but important thing: Kyrgyz people are muslim. © Eric Lafforgue

Eric Lafforgue è un grande fotografo freelance francese (vive a Tolosa) che lavora per numerose testate giornalistiche.
E’ spesso in giro, ma a volte torna. Ora è appena rientrato dal Kyrgyzstan
Qui la sua galleria su Flickr, qui il suo sito e qui il link per scaricare l’applicazione gratuita per avere le sue foto sull’I-Phone.



Muri di sostegno agli stati limite
30 maggio 2009, 15:07
Filed under: Cose italiane, Fotografia | Tag: , ,

follia

Firenze, via Guelfa. Un quarto alle tre.



Metadocumentazione
9 marzo 2009, 01:44
Filed under: Fotografia, Germania | Tag: , ,
© Philipp Guelland/DDP - Einsturz des Kölner Stadtarchivs

© Philipp Guelland/DDP - Einsturz des Kölner Stadtarchivs

La foto è tratta dal sito di Stern.
E’ di Philipp Guelland, fotogiornalista classe 1981. Qui il suo sito.
Nella cassa un po’ di quello che resta dell’archivio cittadino di Colonia.



Una furiosa affermazione di identità
4 marzo 2009, 17:11
Filed under: Europa, Fotografia, Spagna | Tag: , , ,
Hulton-Deutsch Collection (via todoslosrostros.blogspot.com)

Hulton-Deutsch Collection (via todoslosrostros.blogspot.com)

“(…) Trovare una faccia conosciuta fra la folla dei francesi che ogni settimana si mettevano il vestito della domenica e si avvicinavano per godersi lo spettacolo dei rossi in gabbia, non era stato per niente facile, soprattutto perché quel giorno c’erano i fotografi stranieri, quasi tutti statunitensi, che salivano su certe scale per fotografarli dall’alto, un’immagine che doveva essere molto apprezzata nelle redazioni dei quotidiani e delle riviste dell’Occidente, visto che le visite non diminuivano col passare del tempo.
L’Occidente per loro non aveva fatto che questo, fotografie. Molte, moltissime, album e album di fotografie, ritratti individuali e in gruppo di spagnoli in gabbia, come scimmie allo zoo. Gli uomini di Barcarès detestavano i loro autori, eppure li accontentavano con una docilità puntuale, solo apparente. Avrebbero preferito non dover posare per nessuno, ma dal momento che non potevano eliminarli, quando qualcuno si accorgeva che una macchina era pronta per scattare, gridava: foto!, e allora tutti si alzavano, si raddrizzavano, alzavano il pugno e il mento nella stessa direzione. Dal di fuori poteva sembrare un gesto rabbioso e inutile, ma per loro era diverso, era una furiosa affermazione di identità, di volontà, gli permetteva di gridare al mondo che erano ancora vivi, che sapevano ancora dire di no, che non avevano smesso di essere quello che erano, nel bene, nel male, nel peggio.”
Almudena Grandes, Cuore di ghiaccio, Guanda, 2008, p. 470.

Nel marzo 1939, mentre i franchisti entravano a Madrid, Robert Capa visitò il campo francese di Argelès-sur-Mer e lo descrisse come “l’inferno sulla sabbia” (qui Heart of Spain per MagnumPhotos).
Nel settantesimo anniversario dell’apertura del campo, TV3 sta girando sulla spiaggia di Argelès un documentario (qui alcune foto del backstage). Qui altre foto del campo di Barcarès. Segnaliamo, inoltre, La Retirada su wikipedia e il saggio di Pietro Ramella; Volontari antifascisti toscani nella guerra civile spagnola, progetto dell’Istituto storico grossetano della resistenza e dell’età contemporanea, e il sito dell’Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna.